Franchising Biologico. Vegano e senza glutine la nuova linea del business BIO

Aprire in franchising Biologico

Il settore del biologico in Italia e nel mondo continua a crescere anno dopo anno, ed è arrivato a fatturare soltanto nel nostro Paese circa 2,7 miliardi di euro. L’intero comparto che comprende sia i prodotti per vegani che quelli senza glutine aumenta del 20% ogni anno, coinvolgendo ormai oltre 60 mila aziende.

Iniziato come movimento di nicchia negli anni ’80 oggi il biologico vede una larga partecipazione popolare, tanto che moltissime grandi imprese stanno entrando in questo business. Ma si tratta di un settore che offre ancora tantissimi spazi e possibilità, soprattutto grazie alle nuove linee del franchising biologico.

Che cos’è e come funziona il franchising biologico

Aprire un’attività ha un costo molto alto, necessita infatti di investimenti considerevoli relativi alle pratiche burocratiche, alle locazioni degli spazi commerciali, all’arredamento e alle ristrutturazioni, all’acquisto delle forniture e alle campagne di marketing necessarie per far conoscere il proprio negozio.

Un modo per risparmiare è quello del franchising. Questo modello commerciale permette di affiancarsi a un marchio già esistente e ben strutturato, in grado di fornire tutti gli strumenti, i prodotti e il supporto indispensabili per aprire una nuova attività a basso costo.

Il franchising biologico si distingue dagli altri perché punta tutto sulla qualità dei prodotti, sull’informazione, sulle certificazioni e soprattutto sull’uso delle nuove tecnologie e di internet. Aziende come Natur Plus forniscono un appoggio a 360 gradi per chiunque voglia diventare un referente di zona, un rivenditore di prodotti biologici di altissima qualità sostenuto da una rete forte e ben strutturata.

 

Aspetti importanti per un franchising biologico di successo
Chiunque voglia aprire un nuovo business legato alla vendita di prodotti per vegani e senza glutine deve concentrarsi su alcuni aspetti fondamentali. Innanzitutto il pubblico al quale si rivolge è composto da persone alle quali piace informarsi, istruite e che vogliono conoscere tutto ciò che è legato al prodotto da acquistare.

Quindi è necessario puntare molto sulla formazione, sulla certificazione dei prodotti e sulla divulgazione, specialmente utilizzando i canali online dei social network e delle piattaforme web. Il vantaggio del biologico rispetto ai business tradizionali sta nella fidelizzazione dei clienti, infatti quando si riesce a convincerli della qualità dei propri prodotti questi sono molto più inclini a comprare sempre nello stesso negozio.

La fase iniziale di ricerca delle informazioni costa tempo e fatica, quindi si è più propensi a non ripetere questa operazione a meno che non ci si accorga di essere stati presi in giro. Per questo per aprire un franchising biologico bisogna rivolgersi soltanto alle migliori aziende del settore, in questo campo la reputazione è tutto e non ci possono permettere errori.

Quali sono i vantaggi nell’aprire un franchising di prodotti biologici

Aprire un punto vendita di franchising biologico ha diversi vantaggi, si tratta di un settore in forte crescita con clienti che tendono a fidelizzarsi e che utilizzano molto il web, sia per reperire informazioni che per acquistare. Ciò comporta un altro vantaggio legato ai costi di marketing e di vendita, che ovviamente sono molto più bassi rispetto ai canali tradizionali.

Questo è il momento giusto per aprire un’attività di franchising biologico, il mercato e il pubblico sono maturi, esistono aziende in grado di fornire strutture di appoggio e prodotti di altissima qualità e grazie ad internet è possibile raggiungere direttamente i consumatori, mostrando loro i benefici e le proprietà uniche dei propri prodotti.